I Prezzi del Greggio Riducono le Perdite Iniziali Sulle Speranze di Riapertura Economica

I prezzi del petrolio greggio perdono presto le speranze di riapertura economica? In teoria, è quello che dovrebbero fare i prezzi.

Il progresso tecnologico sta creando nuove aree di produzione e le economie industriali stanno scoprendo nuove fonti di energia. Tuttavia, mentre i mercati liberi stavano spingendo il prezzo del petrolio verso l’alto e il mondo intero stava vivendo la più grande espansione economica della storia, i prezzi del greggio sono stati piatti o bassi. Perché?

Il “grande denaro” è il prezzo più basso di petrolio e gas per motivi economici. Le forniture energetiche sempre più costose, combinate con una manodopera energetica in calo, e le continue diminuzioni nella fornitura mondiale di risorse energetiche sono un fattore importante. Dal punto di vista degli investimenti, ha senso diversificarsi in qualcos’altro quando è costoso ottenere petrolio. Ma questa non è una questione di investimento contro utilità.

Se il petrolio fosse economico, le persone passerebbero a una fonte non rinnovabile, magari eolica o solare, per produrre elettricità. Eppure, anche se il petrolio fosse a buon mercato, non ci sarebbe ancora un sostituto per i combustibili fossili. Il problema, al contrario del principio dell’investimento rispetto al principio di utilità, è che i carburanti derivati ​​da questi combustibili non sono solo distruttivi per l’ambiente ma anche altamente pericolosi.

Certo, la razza umana si sta evolvendo, ma quando bruciamo combustibili fossili stiamo cambiando il clima terrestre, causando l’innalzamento del livello del mare, sciogliendo le calotte di ghiaccio e portando a siccità, alluvioni e incendi. Negli Stati Uniti, ad eccezione dell’Alaska, viviamo in un momento di grandi cambiamenti: enormi cambiamenti naturali causati dal riscaldamento globale, cambiamenti che non si annulleranno.

E l’opposizione politica a tutto ciò che viene percepito come anti-ambientale è ora così forte che la legislazione non approvata passerà al Congresso. Gli ambientalisti trovano la loro risoluzione sempre più testata come un problema; i politici stanno dicendo cose più negative sull’ambiente.

È un fatto fondamentale della vita: la razza umana dovrà affrontare una crisi di sostenibilità, quindi la protezione ambientale globale sarà una parte importante della nostra strategia di sopravvivenza per i prossimi decenni. Mentre dobbiamo usare meno energia e utilizzare fonti di energia rinnovabile per sostituire ciò che distruggiamo con le nostre abitudini attuali, sarà necessario sviluppare il tipo di tecnologia avanzata necessaria per attingere a tali fonti e farlo in modo sicuro.

Questo sarà uno sforzo tecnologico che richiederà le capacità delle menti più brillanti del mondo. Non solo dovremo imparare come realizzare le migliori batterie per immagazzinare energia solare, come realizzare migliori reattori a fusione nucleare, ma dovremo anche imparare a controllare tutti gli altri componenti che compongono i combustibili fossili. Per me, questa è la cosa più grande: che stiamo per trasformare completamente il modo in cui viviamo, la nostra civiltà e persino il nostro pianeta.

Quindi è possibile che il mondo possa intravedere i futuri prezzi del petrolio prima che ci facciano pagare il prezzo? Ed è possibile che la tecnologia venga prima delle leggi che governano la nostra società? Vale la pena provare, anche se non vedo come succederà a meno che noi come società non cambiamo effettivamente le cose.

In tutta onestà, non sono ottimista sul fatto che vedremo mai crollare i prezzi del petrolio come stiamo vedendo ora. Ci sarà sempre la pressione per produrre energia in fretta, un desiderio mondiale di ridurre le emissioni di carbonio e così via. E poi, quando inizieremo a utilizzare una parte maggiore delle nostre crescenti riserve in eccesso di combustibili fossili, i prezzi saliranno di nuovo, fino a quando non saranno fuori controllo.

Ma non è al momento giusto, è al momento sbagliato. E se avremo successo, dovremo farlo insieme. Ciò significa prima abbassare i prezzi e poi provare a rialzarli.

In breve, non vedo arrivare un pranzo gratuito, perché non saranno solo le aziende a dover rinunciare ad alcuni profitti, anche il pubblico perderà. E chi vuole pagare per i nostri figli che vanno al college per essere educati in una società che sta morendo?